Costi energetici insostenibili in Abruzzo: USB chiede l’istituzione di un tavolo permanente con la Regione e le parti sociali

Pescara -

I giornalieri aumenti dei costi delle materie prime ed in particolare di quelli energetici stanno avendo un impatto drammatico sulle famiglie e sulle imprese abruzzesi.

In diversi settori produttivi le aziende rischiano di fermarsi perché non più in grado di sostenere tali costi.

I settori colpiti sono diversi: industriale, alberghiero, agricolo, ecc., ed i provvedimenti di sostegno messi in campo dal governo nazionale non sono ancora sufficienti.

Nei prossimi mesi potremmo assistere alla perdita di migliaia di posti di lavoro, perché le piccole e medie aziende potrebbero rischiare di chiudere. 

Molte imprese ricorreranno ad ammortizzatori sociali che comunque ridurranno le capacità reddituali dei nostri concittadini, già falcidiati da un’inflazione galoppante.

La crisi di tutto il sistema produttivo della nostra regione richiede interventi straordinari.

L’USB Abruzzo, ha chiesto  ufficialmente al Presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio e all’Assessore alle Attività Produttive Daniele D’Amario, l’istituzione di un tavolo permanente, che coinvolga gli organismi istituzionali e tutte le parti sociali, atto a monitorare le situazioni critiche ed individuare le modalità e le risorse per evitare la catastrofe occupazionale ed il crollo dei redditi delle famiglie.

Pescara, 30.08.2022

Federazione Regionale USB Abruzzo

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati